top of page
  • Immagine del redattoreViglianti Partners

La Direttiva Europea DAC7: Una Nuova Frontiera nella Lotta all'Evasione Fiscale


evasione fiscale ecommerce

L'entrata in vigore della direttiva europea DAC7 segna un passo significativo nella lotta all'evasione fiscale, portando nuove sfide e opportunità per le imprese digitali. Il 31 gennaio 2024 rappresenta una data cruciale per i gestori di piattaforme digitali residenti in Italia, ovvero la scadenza massima entro la quale i gestori di piattaforme digitali residenti in Italia dovranno comunicare all’Agenzia delle Entrate i dati relativi alle vendite di beni e prestazioni di servizi realizzate dagli utenti attraverso i loro siti e app.


La DAC7, parte dell'iniziativa più ampia dell'Unione Europea per aumentare la cooperazione fiscale e prevenire l'evasione, mira a garantire che le entrate generate nell'ambito dell'economia digitale siano adeguatamente registrate e tassate. Questa direttiva implica che i gestori di piattaforme online dovranno riferire alle autorità fiscali informazioni dettagliate sui venditori che utilizzano le loro piattaforme.


Il focus principale della DAC7 è colmare il divario nella raccolta dati tra le transazioni offline e quelle digitali. In un mondo in cui il commercio elettronico e le attività digitali stanno diventando sempre più predominanti, la DAC7 si propone di aggiornare il quadro fiscale per riflettere questa nuova realtà economica. Questo implica una maggiore trasparenza per le transazioni online e un campo di gioco più equo tra le imprese digitali e quelle tradizionali.


Dal punto di vista dei gestori di piattaforme, questa direttiva presenta sia sfide che opportunità. La sfida principale risiede nell'adeguamento dei sistemi esistenti per raccogliere e segnalare le informazioni richieste. Questo potrebbe richiedere significativi investimenti in tecnologia e risorse umane per garantire la conformità. Tuttavia, vi è anche l'opportunità di rafforzare la fiducia dei consumatori e dei partner commerciali attraverso una maggiore trasparenza e responsabilità.


Per le autorità fiscali, la DAC7 offre un mezzo più efficace per tracciare e tassare i ricavi generati nell'ambito dell'economia digitale. Ciò dovrebbe portare a una maggiore equità fiscale e a una riduzione dell'evasione fiscale, migliorando la raccolta delle entrate e contribuendo alla stabilità fiscale a livello nazionale e europeo.


In conclusione, la direttiva DAC7 è un importante passo avanti verso l'adeguamento delle normative fiscali all'era digitale. Mentre si avvicina la scadenza del 31 gennaio 2024, le aziende devono prepararsi a navigare in questo nuovo paesaggio normativo, che offre non solo sfide, ma anche l'opportunità di contribuire a un sistema fiscale più giusto e trasparente.

bottom of page