top of page
  • Immagine del redattoreViglianti Partners

Il 30 aprile scadono i termini per la "rottamazione quater"


Si avvicina la scadenza del termine di adesione alla “rottamazione quater” (debiti affidati all’agente della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 30 giugno 2022), fissato per il 30 aprile 2023.


In sostanza i contribuenti che hanno a loro carico debiti iscritti a ruolo dal Fisco possono accedere anche quest’anno ad un piano di definizione agevolata per pagare quanto dovuto. In questo modo si potrà regolarizzare la propria posizione fiscale, facendo pace con il fisco.

Con la "rottamazione quater" il contribuente può estinguere i debiti iscritti a ruolo senza corrispondere le somme affidate all’Agente della riscossione a titolo di interessi e sanzioni, interessi di mora, nonché l’aggio. Per beneficiare di questo aiuto fiscale è necessario però chiedere al fisco di aderire: in sostanza si deve inviare istanza di adesione all’Agenzia entrate. E lo si fa online.


L’Agenzia delle Entrate ci tiene ad invitare i contribuenti a non attendere gli ultimi giorni di aprile, al fine di non creare rallentamenti nei sistemi informatici.


Per facilitare la presentazione delle domande e la definizione agevolata dei debiti iscritti, l’Agenzia delle Entrate Riscossioni ha rilasciato una nuova funzionalità nell’area riservata dei contribuenti a cui è possibile accedere con SPID, CIE o CNS e, per intermediari abilitati, con Entratel. Sul sito istituzionale dell’Agenzia è possibile richiedere il prospetto informativo, in cui è riportato l’elenco dei carichi che possono essere rottamati con simulazione dell’importo da pagare con l’agevolazione prevista dalla “rottamazione quater”.


I contribuenti che aderiranno alla “rottamazione quater” verseranno all’erario unicamente l’importo del debito residuo, senza interessi di mora, sanzioni ed aggio. Il pagamento potrà avvenire in un’unica soluzione o in un massimo di 18 rate in 5 anni.

I contribuenti che presenteranno domanda di adesione riceveranno, entro il 30 giugno, conferma del suo accoglimento, con le somme dovute ed il modulo di pagamento.

Nel caso di richiesta di rateizzazione, le prime due rate saranno equivalenti al 10% delle somme complessivamente dovute e scadranno rispettivamente il 31 luglio ed il 30 settembre 2023; le restanti rate saranno ripartite in quattro anni ed andranno pagate il 28 febbraio, il 31 maggio, il 31 luglio ed il 30 novembre di ogni anno a decorrere dal 2024.



Comments


bottom of page